quartetto cetra figli

Successivamente il gruppo trovò la propria formula, che combinava canzone e spettacolo: brani orecchiabili dai testi allegri ma con arrangiamenti raffinati, interpretati in scenette divertenti. Quartetto Cetra ( pronounced [kwarˈtetto ˈtʃeːtra]; Italian for '" Cithara Quartet"') is an Italian jazz vocal quartet established during the early 1940s and active until 1988. Il Quartetto Cetra debuttò nel 1941 alla radio nella rivista Riepilogando, dove oltre a esibirsi "in proprio" accompagnavano i cantanti più noti; pratica che svolgevano ogni sera nei principali caffè-concerto di Roma, tra cui il Camilloni di Piazza Esedra, dove si esibiva l'Orchestra del maestro Antonio Guarnieri (padre dell'attrice Anna Maria Guarnieri e del direttore d’orchestra Ferdinando Guarnieri) e la cantante fiumana, e doppiatrice di Marlene Dietrich, Olga Stancich. Ma l’effetto dal vivo è come sentir cantare il Quartetto cetra nel 2019. In oltre quarant'anni il gruppo propose oltre un migliaio di canzoni, molte delle quali scritte dalla coppia Giacobetti-Savona. Romina Power – Figli e marito. Nel 1945 il quartetto incise il brano Pietro Wughi il ciabattino, primo Boogie-woogie italiano; nello stesso anno incisero due 78 giri con Natalino Otto, accompagnandolo come coristi insieme a Lucia Mannucci, usando la denominazione i 5 Shoe Shine. La canzone Crapa Pelada è stata citata nel numero 18 di Rat-Man Collection intitolato L'allievo, e utilizzata nell'episodio finale della terza stagione di Breaking Bad, intitolato Full Measure - Niente mezze misure. Presentazione de Il piccolissimo "Quartetto teatro del Quartetto Cetra" (La sera del debutto) Nel 1971 condussero il programma Stasera sì, con la direzione musicale di Mario Bertolazzi, programma a cui è legato un episodio spiacevole di minacce al gruppo: nel corso della puntata del 7 novembre il Quartetto aveva presentato Angela, canzone dedicata ad Angela Davis, ed il giorno dopo Felice Chiusano ricevette da uno sconosciuto un messaggio: "Dica al suo collega Savona di non fare il gradasso sul palcoscenico e di lasciar perdere la politica, di cantare Nella vecchia fattoria e di smetterla di sfruculiare con Angela Davis e tutto il resto... queste sono cose delicate, mi sono spiegato?". Il Quartetto Cetra dal mitico Studio Uno, prima edizione, anno 1961. Alcuni mesi dopo, nel 1941, Iacopo Jacomelli lasciò il gruppo e fu rimpiazzato da Antonio Virgilio Savona, un pianista che già da qualche tempo curava gli arrangiamenti del gruppo; in seguito alla sostituzione il gruppo rimase momentaneamente senza nome e poi, nello stesso anno, fu scritturato dall'EIAR e assunse il nome definitivo di Quartetto Cetra. Sono infine stimati da molti loro colleghi di generi anche lontani da loro, da Eros Ramazzotti[5] ad Angelo Branduardi, da Francesco Guccini (che li paragona ai Beatles[6]) a Fiorella Mannoia[5]. Enrico de Angelis e Sergio Secondiano Sacchi (a cura di). La serie di parodie era intitolata: Fatti, misfatti e personaggi dal 1924 in poi. Info su Quartetto Cetra biografia filmografia discografia video foto citazioni curiosità frasi celebri news carriera Sono stati spesso anticipatori in Italia di mode e generi musicali, come ad esempio il Rock and roll: già nel 1956 il Quartetto Cetra incise in italiano una sua versione di Rock Around the Clock, con il testo scritto da Tata Giacobetti, intitolata L'orologio matto[3]. Per questo lavoro ricevettero una lettera autografa di congratulazioni da parte di Walt Disney. Gli anni passano, le stagioni operistiche si susseguono, e sessant'anni dopo, "nel gennaio del cinquantatré", le signore alla Scala scendono "da un moderno cabriolet" per ascoltare autori nuovi ed innovatori, che si affiancano ai grandi classici. Tre anni dopo, entrò nel gruppo, in sostituzione di Enrico De Angelis. Il brano ha una melodia arabeggiante. Caratterizzati da notevoli capacità vocali evidenti nelle armonizzazioni delle canzoni e da testi spesso umoristici ma sempre di buon gusto, sono stati il gruppo musicale italiano attivo per il maggior numero di anni. Un tiro a quattro di cavalli di razza con siringa Breve ricordo di Tata Giacobetti e del mitico Quartetto Cetra anche con 2 indimenticabili canzoni; Buon martedì sera in poesia “L’incontro” K. Mansfield – arte Enjolras – canzone “Canzone quasi d’amore” F. Hardy; Quella voglia – Il bacio come realtà e ricordo – Breve ma intenso brano di Giancarlo Aspromonte Chiusano raccontò l'episodio a Savona, che ne trasse ispirazione per comporre la canzone Sono cose delicate, incisa in proprio assieme ad altre canzoni di contenuto più "impegnato" che proprio in quegli anni andava realizzando parallelamente all'attività con il Quartetto (sua l'idea contestuale della collana discografica I Dischi dello Zodiaco). Quartetto Cetra. Il Quartetto Cetra subentrò in sostituzione al Quartetto Vocale Maschile della Cetra (etichetta discografica torinese in proprietà all'EIAR). Nel 1957 registrarono la versione italiana di Rock Around the Clock di Bill Haley, intitolata L'orologio matto, rivelandosi tra i primi in Italia a promuovere il rock and roll. Successivamente incise per la Fonit, la Columbia, la Voce del Padrone e la Ricordi. Tata Giacobetti. Parteciparono poi al Festival di Sanremo 1954 presentando le canzoni Arriva il direttore, Canzoni alla sbarra, Cirillino-Ci, Piripicchio e Piripicchia, Un diario ed Aveva un bavero, che riscuote il successo maggiore e si classifica al sesto posto nella classifica finale. ! Nel 2007 pubblicò insieme al marito il CD Capricci, con registrazioni di canzoni realizzate in casa. Era sposata con uno dei componenti del quartetto, il cantante Virgilio Savona[1] (soprannominato "quello con gli occhiali"). 1 1996 You May Also Like See All. Label: Radio Fandango - 0194518RAF,Rai Trade - 0194518RAF,Associazione Quartetto Cetra - none,Fondazione Giorgio Gaber - none • Format: 2x, DVD DVD-Video Box Set • Country: Italy • Genre: Non-Music, Pop, Children's, Stage & Screen • Style: Parody, Musical Già nei primi anni quaranta il Quartetto partecipò ai primi esperimenti di "radiovisione" e con la nascita ufficiale della televisione italiana nel 1954 arrivò anche il debutto televisivo del Quartetto Cetra: lo spettacolo si chiamava In quattro si viaggia meglio, allestito da Daniele D'Anza. Rockol - il tuo sito per le notizie di musica. Quartetto Cetra / Nilla Pizzi 1996 Un bacio a mezzanotte 2011 Remastered Hits (All tracks remastered 2014) 2014 The Italian Song - the Best of Quartetto Cetra 2008 Quartetto Cetra at Their Best, Vol. Tata Giacobetti è il nome d’arte di Giovanni Giacobetti.L’uomo, morto nel dicembre del 1988, è stato un noto cantante, musicista, paroliere ed attore italiano. Nel 1942 Felice Chiusano (cantante dell'EIAR) subentrò a Enrico Gentile, partito militare; nello stesso anno si trasferirono a Torino, dove lavorarono con il maestro Carlo Prato, Pippo Barzizza ed Alberto Rabagliati e dove si esibirono al Teatro Carignano con l'orchestra del maestro Cinico Angelini[7]. L'8 settembre del 1943 c'è da registrare la prima esibizione di Lucia Mannucci, allora cantante solista in ascesa e già fidanzata di Virgilio Savona, insieme al Quartetto Cetra: eseguirono insieme la canzone Dove siete stata nella notte del 3 giugno?. Però mi vuole bene, brano garbatamente intriso di black humour, racconta con la voce di Lucia Mannucci di una donna perdutamente innamorata che non sembra rendersi conto che il marito, nonostante continui ad abbracciarla e baciarla, tenta continuamente di eliminarla, sperando che cada nel laghetto del parco e lasciando aperto il gas in cucina con tutte le finestre chiuse, finché riesce nel suo intento facendola precipitare dalla Torre Eiffel mentre si trovavano a Parigi per il compleanno di lei. Quartetto Cetra Best Hits 1996 Quartetto Cetra 1996 Non so dir ti voglio bene (Remastered) 2013 Quartetto Cetra - Crapa pelada 1996 Tutto Cetra - Un bacio a mezzanotte 2009 Quartetto Cetra at Their Best, Vol. Quartetto Cetra . !, Nella vecchia fattoria, Vecchia America (di Lelio Luttazzi), Un bacio a mezzanotte (musica di Gorni Kramer), I ricordi della sera. Find Quartetto Cetra discography, albums and singles on AllMusic Attivi per 47 anni (dal 1941 al 1988), detengono il record di 41 anni con la stessa formazione (dal 1947). Nel 1948 il Quartetto Cetra partecipò nel doppiaggio dei cori del film Dumbo (loro la canzone con cui i corvi sbeffeggiano l'elefantino sulle sue possibilità di volo e la canzone dei Rosa Elefanti). La ballata di Lazy Boy/Se vai tu ci vengo anch'io, Vieni vicino...dammi la mano/Sole, pizza e amore, La ballata del critico TV/Una canzone per noi due, Il cammello e il dromedario/Soffia sulle candeline (tanti auguri...), Il tuo ritorno/Mamma mia dammi cento lire, Pierino ha la febbre... il sabato sera/Appuntamento spaziale, Zim zum zam/Non ti fidare di lei (la telecamera), Otto grandi successi del 4º Festival della Canzone, I successi internazionali del Quartetto Cetra, Le canzoni del festival di Sanremo 1956 viste dal Quartetto Cetra, Le canzoni del festival di Sanremo 1957 viste dal Quartetto Cetra, Colpi di luna - Canzoni e cronache lunari (1969-2009), Nella vecchia fattoria/La lampada di Aladino/Nel paese di Paperino/I tre alberi e la casetta, Conosco un cow-boy/Il teatrino delle marionette/Pierino e il lupo/Fausto e Gino, Sassofoni e vecchie trombette "L'impossibile storia del jazz", Sassofoni e vecchie trombette "L'impossibile storia del jazz 2", Il Quartetto Cetra presenta: le fiabe delle quattro stagioni, Canta il Quartetto Cetra nella commedia musicale ''Carlo, non farlo! Muore a Milano il 7 marzo 2012 all'età di 91 anni[2]. In un palco della Scala è un ricordo, su melodia lenta, dei tempi della Scala di fine ottocento, "nel gennaio del novantatré", con le musiche di Massenet e Bizet a scandire le serate operistiche di gala, frequentate da "signore in décolleté / discese da un romantico coupé". Oltre all'attività con i Cetra, Lucia Mannucci fu cantante solista, autrice di canzoni, attrice di musical, presentatrice di programmi radiofonici e televisivi. Voce femminile del Quartetto Cetra, cantante solista, autrice (Bologna, 1920) Milanese di adozione, frequenta giovanissima la scuola "Arte del movimento" di Carla Strauss. Il cammello e il dromedario racconta dell'insistenza di un ricco dromedario verso un cammello perché questi, "essendo bisognevole", gli venda una delle sue gobbe in cambio di una fortuna; quest'ultimo rifiuta sempre e "così si riconferma che il cammello è bigobbuto / e il dromedario monogobba resterà". E’ divenuto famoso soprattutto per esser uno dei quattro componenti del Quartetto Cetra. Passati alla Decca, incisero altri 78 giri per poi ritornare, nel 1949, alla Cetra: due canzoni del periodo Decca, Shanghai Lil e Oggi ho visto un leon, vennero reincise per l'etichetta torinese con un nuovo arrangiamento, curato da Pippo Barzizza, diventando due tra le loro canzoni più note. Anche a causa di questo episodio, ridussero la collaborazione con la Rai e dopo il 1975 la interruppero passando alla TV Svizzera, per cui realizzarono i programmi Giochiamo ai quattro cantori (1976) e Ri...Giochiamo ai quattro cantori (1977), entrambi su testi di Dino Verde e con la regia di Mascia Cantoni: all'interno di queste trasmissioni i Cetra girarono 12 parodie di alcune opere liriche, riprendendo l'idea alla base di Biblioteca di Studio Uno. Nel maggio del 1968 la RAI mise in onda la miniserie TV in 7 puntate (ne erano previste 8, ma la sesta e la settima vennero accorpate) Non cantare, spara, commedia musicale per la televisione di Daniele D'Anza. In RAI condussero tra il 1978 e il 1979 due edizioni di Buonasera con.... Tra il 1979 e il 1984 lavorarono per Antenna 3 Lombardia, animando alcune parodie dei grandi classici della storia e della letteratura nell'ambito dei programmi Cetrarca e Il Bingoo. Il pericolo numero uno è una canzone – sketch in cui un gruppo di soldati viene istruito dal sergente (Virgilio Savona, con esagerato accento siciliano) sui pericoli e soprattutto sul "pericolo numero uno: la donna!". I ricordi della sera, sigla di Studio Uno nel 1961, riportò il Quartetto in classifica; successivamente venne anche incisa da Mina. Il primo disco a 78 giri pubblicato fu, il 7 novembre dello stesso anno, L'arca di Noè/Il visconte di Castelfombrone, con ancora Enrico Gentile nella formazione. Iniziò così tra i due un lungo sodalizio che univa vita privata e musicale. Addio a VIRGILIO SAVONA, lo Zelig musicale del “Quartetto Cetra” « Il blog di Gaetano Lo Presti. Nel 1951 il Quartetto Cetra debuttò in teatro, nella rivista Gran baldoria di Garinei e Giovannini con Wanda Osiris e Alberto Sordi, in cui il Quartetto cantava Vecchia America (musica di Lelio Luttazzi). 1944, Cetra: i ragazzi vanno a nozze, Sono 14 i nuovi Benemeriti iscritti al Famedio, Dove siete stata nella notte del 3 giugno, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Lucia_Mannucci&oldid=107453244, Voci biografiche con codici di controllo di autorità, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo, Nel 2018 il Comune di Milano ha deciso che il suo nome venga iscritto nel Famedio, all'interno del. Altri film doppiati dal gruppo furono Musica maestro, Lo scrigno delle sette perle, Il mago di Oz. Solo per citarne alcune, tra le più celebri: Aveva un bavero (Sanremo '54), Il Visconte di Castelfombrone, Un disco dei Platters, Che centrattacco!! Lanciò, negli anni quaranta, la canzone Ho un sassolino nella scarpa, scritta da Fernando Valci. Caratterizzati da notevoli capacità vocali evidenti nelle armonizzazioni delle canzoni e da testi spesso umoristici ma sempre di buon gusto[1], sono stati uno dei gruppi musicali italiani più longevi[2]. Favorevolmente impressionato da questa iniziativa, l'impresario Remigio Paone li invitò sia a ripetere l'esperimento nel suo nuovo teatro milanese, sia a partecipare come protagonisti nello spettacolo del 1951 Gran Baldoria, che rappresentò il nuovo corso della rivista italiana.[11]. Successivamente passarono alla CBS, ed ebbero successo con Juanita Banana, cover dell'omonima canzone dei Peels incisa anche da Henri Salvador, Non cantare, spara e Cinderella Rockefella, cover dell'omonimo brano del duo israeliano Esther & Abi Ofarim. Testi già sentiti e musica del Novecento. Autore Mame Editore Pubblicato il 29 Novembre 2016 Categorie Album, King Crimson, L Seguirono molti altri programmi in cui il quartetto fu protagonista, come Buone vacanze (in due stagioni, 1959 e 1960). Da non dimenticare il doppiaggio nelle pubblicità (tra cui la Nestlè). Papà Walt Disney/Un cavallo senza cow boy, Il testamento del toro/Quello è un italiano, Metti la camicetta.../La leggenda del lilion. Famiglia | Viaggi Le vite degli altri: a Bologna il Festival del biopic, da Amy Winehouse a Steve McQueen Leggi - Foto. Quartetto Cetra Con L'Orchestra Di Gian Stellari* Quartetto Cetra Con L'Orchestra Di Gian Stellari* - Le Canzoni Del Festival Di Sanremo 1957 Viste Dal Quartetto Cetra ‎ (10") Cetra: LPA. Inoltre con programmi come Biblioteca di Studio Uno (con le celebri parodie letterarie e canzonettistiche) e Non cantare, spara sono entrati nella storia della televisione italiana[4]. Buona visione! Quartetto Cetra in Belgrade c. 1950 from left to right: Virgilio Savona, Lucia Mannucci, Tata Giacobetti, Felice Chiusano. La loro carriera futura fu anche influenzata dalla loro idea di organizzare, nel 1950 nel locale Orientale di Alassio, una serie di serate tematiche animate da loro stessi, nelle quali il pubblico doveva partecipare indossando uno specifico abbigliamento. L'anno seguente, oltre alle apparizioni cinematografiche con Renato Rascel e Paolo Stoppa, il riconoscimento del premio "Passerella d'oro", le esibizioni teatrali assieme ad Alberto Sordi e Wanda Osiris, il Quartetto fece capolino alla radio con la parodia della trasmissione Il convegno dei cinque e nel 1953 con Giringiro, un varietà improvvisato ogni sera presso la sede della tappa del Giro d'Italia ciclistico. Quartetto Cetra - Vecchia america (Music Land 1965) Canzone capolavoro di Lelio Luttazzi interpretato dal grande Quartetto Cetra nella trasmissione Rai Music Land, del 1965. Gli inizi: dal "Quartetto Egie" al "Quartetto Cetra" Nel 1940 venne fondato a Roma da Enrico De Angelis , Giovanni Giacobetti (detto "Tata"), Iacopo Jacomelli e Enrico Gentile un quartetto vocale allora solo maschile, che prese il nome di Quartetto Egie, dalle quattro iniziali dei nomi dei componenti, sulla scia della tradizione americana dei barbershop quartet e dei Mills Brothers . Il nuovo nome fu preso non dalla casa discografica per cui il gruppo iniziò ad incidere i primi 78 giri, la Cetra, ma dallo strumento musicale caratterizzato appunto da quattro corde. Il Quartetto Cetra è stato un quartetto vocale italiano, attivo a partire dagli anni quaranta e formato da Felice Chiusano (Fondi, 1922 - Milano, 1990), Giovanni "Tata" Giacobetti (Roma, 1922 - Roma, 1988), Lucia Mannucci (Bologna, 1920 - Milano, 2012) e Antonio Virgilio Savona (Palermo, 1919 - Milano, 2009).

Do You Feel Like We Do Live 1976, Giuramento Marescialli Carabinieri 2020, Canti Di Comunione Rns, Risultati Under 21 Italia, Marco Mengoni - Hola, Premio Nobel Per La Medicina 2020, Bryan Adams ’o Sole Mio, Elisabetta Franchi Età Marito, Pizzo Bernina Dove Si Trova, Autismo Cure Sperimentali,

About the Author

Leave a Reply

*

captcha *